Sei in: Home > sala stampa > primo piano > FINESTRA SULLA RETE

FINESTRA SULLA RETE

Caterina Gammaldi, 31 luglio
Per la scuola della Costituzione

A proposito dell'editoriale di Galli della Loggia (Le periferie rimosse, Corriere della sera 29 luglio 2020) e dell'articolo di Nadia Urbinati ( Diseguaglianze, quanti sono i nostri Sud Repubblica 31 luglio 2020)
La scuola nei quartieri di periferia delle grandi città ha sempre rappresentato un presidio di democrazia e per molti ragazzi un'occasione di emancipazione culturale. Laddove gli insegnanti hanno saputo intercettare il disagio sono state realizzate le esperienze migliori, è stato garantito il diritto allo studio e all'apprendimento.
Le periferie delle città, talora il centro storici in degrado rappresentano spazi di vita senza cura alcuna, facile preda di chi, senza scrupoli, accende l'odio verso l'altro, verso i più deboli.
Non si può imputare a questo governo la mancata soluzione del problema.
Sono molti decenni che poniamo l'esigenza di politiche educative a vantaggio degli ultimi senza successo. Gli stessi progetti educativi destinati ai senza scuola, agli studenti in difficoltà di apprendimento e relazione, alle aree a rischio sono spesso cocci vuoti, luogo della retorica dei buoni sentimenti, che evoca le buone condotta come l'unico stile di vita da praticare.
Si dà il caso che i comportamenti ribelli imputati ai ragazzi di periferia vedono talvolta coinvolti figli della buona borghesia, figli del benessere a cui manca da troppo tempo la figura genitoriale, soprattutto nell'età della prima e della seconda adolescenza.
É il caso di bande di ragazzi cosiddetti "bene" che sentono di poter approfittare della loro condizione per aggredire i meno fortunati - gay, disabili, zingari, immigrati - per il gusto di lasciare il segno della loro presunta superiorità.
Il problema va risolto prendendosi cura dei giovani sempre, non solo quando minacciano le nostre serate ai Navigli o a Trastevere.
Segnaliamo da mesi la preoccupazione per le aule vuote (queste si) in cui mancano le occasioni per conoscere insieme.
Da mesi, pur consapevoli dell'emergenza sanitaria, segnaliamo l'incremento della povertà educativa e delle diseguaglianze, anche a causa della DaD.
Inascoltati. Non è facile per nessuno insegnare e apprendere in un mondo qual è quello che abbiamo ereditato da modelli di sviluppo economico-sociali fondati sull'individualusmo e sul mercato.
Restituire quello che abbiamo perso ai bambini e ai ragazzi è un imperativo categorico che interpella le nostre coscienze adulte.
Vorremmo poter pensare che è ancora possibile una scelta politico - culturale dirompente, alternativa ai comportamenti dilaganti, che non sia la solita liturgia di un mondo diviso in buoni e cattivi.
Guardiamo alle banlieus in Francia, agli scontri fra bianchi e neri in America, alle centinaia di situazioni che vedono i nostri ragazzi in tutto il mondo l'uno contro l'altro e non possiamo fare a meno di affermare che a seminare gli odi "di classe" sono proprio coloro che si pensano e si vivono primi contro gli ultimi.

Caterina Gammaldi, 31 luglio
Per la scuola della Costituzione

Cinzia Mion, 30 luglio
La timidezza delle linee guida per l’educazione civica

Caterina Gammaldi, 12 luglio
La ri-partenza

Caterina Gammaldi, 1 luglio
Una scuola a misura di apprendinento

Cosimo De Nitto, 30 giugno 

Simonetta Fasoli, 29 giugno
Dalle Linee guida del Ministero dell'istruzione (decreto in versione definitiva) 

Simonetta Fasoli, 27 giugno
Patti territoriali e cultura istituzionale: per un approccio virtuoso

Roberto Maragliano, 26 giugno

Beatrice Baldo, 24 giugno 

Caterina Gammaldi, 23 giugno
Settembre è già domani

Simonetta Fasoli, 7 giugno
Il territorio come "aula scolastica decentrata": un'utile prospettiva

Caterina Gammaldi, 7 giugno 
Settembre andiamo... 

Giancarlo Cerini, 7 giugno
Non basta un metro!!!

Caterina Gammaldi, 3 giugno  
Dare voce alla scuola

Christian Raimo, 31 maggio

Christian Raimo, 30 maggio   
Le ore di 40 minuti saranno un problema. Non in sé, ma nella scuola italiana

Simonetta Fasoli, 27maggio h 11   
Andiamo avanti

Simnetta Fasoli, 27 maggio h 8 
Non più voti alla primaria: bene, ma è solo un primo passo

Gennaro Lopez, 25 maggio 
Per cambiare la scuola (seconda puntata)

Gennaro Lopez, 22 maggio  
Per cambiare la scuola, guardare oltre il recinto scolatico

Caterina Gammaldi, 26 maggio 
Oggi è già domani

Caterina Gammaldi, 20 maggio

Simonetta Fasoli, 14 maggio h 18  
Valutazione finale: insisto

Simonetta Fasoli, 14 maggio h 9  
No alla valutazione decimale per le scuole del primo ciclo: il tempo è adesso

Raffaele Iosa, 11 maggio  
Allons enfants, bon retour à l'école

Anna Oliverio Ferraris, 11 maggio  
L'esperimento della didattica a distanza

Gennaro Lopez, 9 maggio  
Appunti sul mondo nuovo 

Simonetta Fasoli, 10 maggio 
Ripartire: da quale scuola?

Simonetta Fasoli, 7 maggio 
Il corpo ferito della scuola

Marco Rossi Doria, 6 maggio

Simonetta Fasoli, 5 maggio

Caterina Gammaldi, 5 maggio 
Dedicato a...

Claudia Andreini, 29 aprile

Raimondo Rosario Giunta, 27 aprile 
A parlar male della scuola si fa peccato

Giancarlo Cavinato, 26 aprile 
Dieci domande al prof Galli della Loggia

Caterina Gammaldi, 26 aprile

Simonetta Fasoli, 26 aprile 
Autonomia scolastica e colesterolo

Roberto Maragliano, 26 aprile

Raimondo Rosario Giunta, 23 aprile

Franco Lorenzoni, 23 aprile 
Giornata della terra, giorno mondiale del libro

Pietro Lucisano, 22 aprile 
Della valutazione in tempi difficili

Cinzia Mion, 20 aprile 
Lettera aperta alla ministra Azzolina

Caterina Gammaldi, 20 aprile 
Le donne di scuola...

Marco Rossi Doria, 19 aprile 
Pensieri su come ripartire in campo educativo

Roberto Maragliano, 18 aprile

Raffaele Iosa, 18 aprile 
Ci sarà un dopo. Idee per la rinascita e la libertà dei bambini

Raimondo Rosario Giunta, 9 aprile  
Il diavolo si nasconde nei dettagli

Caterina Gammaldi, 7 aprile

Roberto Maragliano, 6 aprile

Caterina Gammaldi, 6 aprile

Rosanna Angelelli, 6 aprile

Raimondo Rosario Giunta, 3 aprile   
Sugli scrutini finali

Caterina Gammaldi, 2 aprile 
La valutazione degli apprendimenti, la certificazione delle competenze e degli esiti

Simonetta Fasoli, 2 aprile 
L'età ingrata

Robero Maragliano, 31-24 marzo

Franco De Anna, 31 e 28 marzo 
La stella e l'anello

Raffaele Iosa, 21 marzo 
Paradossi pedagogici di un virus inatteso